UA-77341349-2

Testo Unico di legge in materia di Terre e rocce di scavo (DPR 13 giugno 2017, n. 120)

  • 2
  • 11 settembre 2017

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il tanto atteso Testo Unico di legge in materia di Terre e rocce di scavo (DPR 13 giugno 2017, n. 120, “Regolamento recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo”). Il DPR è entrato in vigore il 22 agosto. Si realizza l’ impegno assunto dal Legislatore nel 2014 (  legge 11 novembre 2014, n. 164”) di riordinare in un corpo legislativo tutte le norme attinenti le terre e rocce da scavo, contenute in diversi testi di leggi “stratificatisi nel tempo “, con l’ intento di semplificare la materia e di rendere più agevole l’ “orientamento”.
Questo decreto rappresenta l’unico strumento normativo applicabile per consentire l’utilizzo delle terre e rocce da scavo quali sottoprodotti, sia provenienti dai piccoli che dai grandi cantieri, compresi quelli finalizzati alla costituzione o alla manutenzione di reti e infrastrutture.
Il DPR si occupa altresì dei materiali da scavo gestiti come rifiuti e di quelli derivanti da attività di bonifica.
Correlativamente vengono quindi abrogati :

  1. il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela e del territorio e del mare 10 agosto 2012, n. 161.
  2. l’articolo 184 –bis , comma 2 -bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  3. gli articoli 41, comma 2 e 41 –bis del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dal-la legge 9 agosto 2013, n. 98.